Articles

Lesione papillomatosa gengivale

Un paziente di 46 anni si presentava alla nostra attenzione nel pronto soccorso odontoiatrico della clinica universitaria Giorgio Vogel (ASST Santi Paolo e Carlo, presidio ospedaliero San Paolo – Università degli studi di Milano) inviato dal medico curante per la presenza di una lesione gengivale persistente da circa 8 mesi, asintomatica e con segni di sanguinamento intermittente.

Il paziente, ex fumatore, presentava in anamnesi un infarto cardiaco avvenuto circa 3 anni prima, operato con il posizionamento di 4 stent cardiaci ed era, inoltre, affetto da ipertensione arteriosa. L’anamnesi farmacologica riportava l’assunzione di acido acetilsalicilico a basse dosi, atorvastatina, patoprazolo, bisoprololo e amlodipina.

All’esame obiettivo si rilevava la presenza di una lesione in sede gengiva aderente nel versante linguale del III quadrante, in corrispondenza degli elementi 3.3-3.4. La lesione si presentava esofitica, papillomatosa, a base di impianto sessile, di consistenza molle, di colore roseo-biancastro, non dolente alla palpazione e di diametro di circa 1 cm.

Per continuare la lettura scaricare l’allegato.

doi: https://doi.org/10.19256/d.cadmos.10.2018.03

Table of Content: Vol. 86 – Issue 10 – Dicembre 2018