Articles

Parodontite stadio III grado B generalizzata: diagnosi, prognosi e terapia con follow-up a 6 anni

Un paziente di 40 anni si presenta alla no­stra osservazione in prima visita nel marzo del 2013. Riferisce di avere notato sangui­namento gengivale diffuso e di non recarsi dal dentista da circa 2 anni.

Il paziente pone modeste richieste esteti­che e dichiara di voler ridurre al minimo il numero delle eventuali chirurgie necessarie. Nella vita è un insegnante di educazione fisica e si presenta con spirito collabo­rante e motivato a intraprendere cure odontoiatriche.

All’anamnesi medica non presenta patologie in atto e non riferisce patologie pregresse; non è mai stato fu­matore.

All’anamnesi stomatologica sono riportati:

  • presenza di otturazioni in amalgama sugli elementi 17, 16, 14 e 26;
  • saltuario sanguinamento gengivale per cui si è sottoposto a detartrasi e con­trolli odontoiatrici periodici (l’ultima se­duta risale a due anni prima);
  • estrazione dei 4 terzi molari in giovane età.

Per ciò che concerne le abitudini di igie­ne orale, esegue spazzolamento manua­le con spazzolino a setole medie al matti­no e alla sera e utilizza saltuariamente il filo interdentale. All’esame obiettivo extraorale si rileva as­senza di gravi asimmetrie del volto, assen­za di linfonodi palpabili e non sono presen­ti alterazioni funzionali apprezzabili a livello dell’articolazione temporo-mandibolare.

All’esame obiettivo intraorale il paziente si presenta con una formula dentaria completa (28 elementi dentari presenti) e con il quadro obiettivo di seguito rappre­sentato nella fig. 1.

Si osservano:

  • rotazione elemento 24 con assenza di punto di contatto;
  • leggero affollamento antero-inferiore (rotazione elemento 31);
  • presenza di otturazioni in amalgama di 17, 16, 14 e 26;
  • elevato accumulo di biofilm batterico duro sottogengivale;
  • fenotipo spesso festonato.

All’esame occlusale si rilevano:

  • tendenza alla II classe di Angle canina a destra e sinistra;
  • 2 mm di overjet e 1,5 mm di overbite.

I dati relativi a profondità di sondaggio, re­cessione gengivale, sanguinamento al sondaggio, presenza di placca, mobilità dentale, compromissione di forcazioni so­no complessivamente riportati nella tab. I. Complessivamente, si registra sanguina­mento a carico del 46% dei siti (FMBS), placca a carico del 18% dei siti (FMPS). Il 28% (47) dei siti presenta sondaggi (PD) di 4-5 mm, l’11,3% (19 siti) presenta son­daggi di ≥6 mm.

Si registrano 4 forcazioni di I grado a cari­co di 1.6 vestibolare e disto-palatale e di 2.6 vestibolare e disto-palatale. Infine, si registrano recessioni gengivali di 26, 27, 31, 36, 37, 41, 46.

Per continuare la lettura gli abbonati possono scaricare l’allegato.

 

Table of Content: Vol. 88 – Issue 04 – Aprile 2020